‎"Il buon giornalismo sa che i fatti non sono mai al sicuro nelle mani del potere e se ne fa custode nell'interesse dell'opinione pubblica"
Giuseppe D'Avanzo

12/12/11

Cronache cittadine da un consiglio comunale 'bollente': quello sullo sgombero della scuola media

Un altro cittadino altavillese dice la sua sul consiglio comunale dello scorso 28 novembre, in risposta alla cronaca anonima pubblicata di recente su questo blog. Chiunque voglia aggiungere il proprio commento o la propria cronaca su un a vicenda così spinosa è benvenuto sul nostro blog. Potete commentare a questo post o scriverci a laltraltavilla@gmail.com.

di Tommaso Errico

Ho assistito all’ultimo consiglio comunale e devo dire che l’intervento di Altavilla Aperta è stato molto importante. Avere un’opposizione finalmente attiva è una grande ricchezza per la nostra comunità. Però, per dovere di cronaca, io ‘sta cosa delle erbacce non l’ho sentita, e non ho visto tutta questa indifferenza negli atteggiamenti della maggioranza. Michele Gallo e Franco Amoroso hanno lavorato molto bene, si sono documentati perfettamente, e non solo sulla questione della scuola, ma anche su un altro punto importante all’odg, quello del regolamento del consiglio tributario. Le proposte di Altavilla Aperta sul consiglio tributario sono state respinte, e qui ci vorrebbe un articolo a parte, perché erano proposte molto sagge. Sulla questione della scuola, invece, ho visto una maggioranza in seria difficoltà, molto colpita dall’intervento di Michele Gallo, ma non superficiale, distratta e ridacchiante come descritto dal misterioso anonimo cronista. Lo dico ad onor del vero, perché la campagna elettorale è finita, e su questioni così importanti come questa della scuola il punto non è stabilire chi è più bravo. Il punto è trovare le soluzioni giuste per farci stare tutti tranquilli, ed assicurare ai nostri ragazzini una scuola sicura. In verità il sindaco è stato molto impulsivo, l’ho visto emotivamente un po’ provato, ed ha reagito in un primo momento respingendo tutto ciò che proponeva Altavilla Aperta. Ma poi gli altri consiglieri (soprattutto Giardullo) hanno fatto funzionare un po’ il cervello ed alla fine anche il sindaco si è convinto e si è approvata una parte della mozione di Michele Gallo. Se ho capito bene (adesso leggeremo il verbale) l’intervento di consolidamento della scuola è stato giustamente iscritto nel piano triennale delle opere da fare. Certo, la proposta di sgomberare la scuola non è stata accettata, ma per onore di cronaca devo dire che le facce degli amministratori erano molto preoccupate per la responsabilità che si assumevano, nessuno ridacchiava, e non mi pare avessero voglia di scherzare riducendo il problema al taglio delle erbacce. Anzi, dopo questa po’ po’ di responsabilità che si sono assunti nel non far chiudere la scuola, mi auguro che stiano già al lavoro per cercare urgentemente le soluzioni tecniche e i necessari finanziamenti. Se così non dovesse essere si farà bene ad incalzarli, e a continuare a chiedere conto. E’ da questo atteggiamento positivo e chiaro che verranno i giusti riconoscimenti al lavoro dell’opposizione. Lo screditamento stupido e fazioso dell’avversario, invece, non paga…. perché fa scadere la politica e la fa somigliare alle beghe delle tifoserie. Approfitto dell’occasione per riportare un’altra cosa riguardo all’ultimo consiglio comunale. C’era un operatore di una televisione locale (Alfonso Verruccio) a cui è stato impedito di usare le telecamere per riprendere la seduta, per mancanza di un regolamento che disciplini le riprese. Non va mica bene! Non sempre e non tutti possiamo andare ai consigli comunali. Abbiamo diritto ad essere informati correttamente sulle questioni importanti! Se manca un regolamento per l’accesso dei mezzi di informazioni nelle aule consiliari, si faccia al più presto. E nel frattempo non ci possono essere scuse: le riprese non possono essere vietate.

(Fonte: gruppo Facebook Altavilla Aperta)

1 commento:

Diomira Cennamo ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.